USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D'ISTRUZIONE

Il nostro Istituto si è attivato già dalle scorse settimane per la gestione delle uscite didattiche e dei viaggi d'istruzione cancellati a causa dell'emergenza sanitaria.

In generale, le alternative erano il rimborso o la riprogrammazione delle iniziative per il prossimo anno scolastico. Ogni consiglio di classe ha fatto la sua scelta, in base alle situazioni particolari e a motivazioni didattiche. Molte gite verranno riprogrammate per il prossimo anno, altre invece verranno rimborsate. Quindi, in ogni caso, i soldi non andranno persi. 

La situazione è tuttavia complicata dal fatto che una parte delle quote versate alla scuola (dal 20 al 40% per ogni gita) è stata data come acconto alle agenzie di viaggio, che potrebbero per legge rimborsare con un voucher utilizzabile entro un anno. 

Per le classi terminali (bambini cinquenni, quinte elementari, terze medie) è stato richiesto il rimborso totale anche alle agenzie, in base a un emendamento presente in un decreto governativo in via di approvazione.

Il quadro è quindi piuttosto complicato, ma la Scuola sta operando in modo da garantire la soluzione più vantaggiosa per i genitori, in base alla normativa vigente e alle esigenze didattiche individuate dai vari consigli di classe. Alcuni rimborsi della quota (tolto l'aconto) sono già partiti, ma i tempi per il completamento di tutti i rimborsi potrebbero essere considerevoli, a causa della mole di lavoro che tale operazione comporta. Le spese bancarie per legge si applicano al beneficiario.

Chi aveva effettuato il versamento nella filiale della banca della scuola, dovrà ritirare il rimborso direttamente nella stessa agenzia (Bpm via Madonna, Rho), su appuntamento. Si consiglia di chiedere preventivamente alla banca se il rimborso è già disponibile.

Il rimborso può avvenire esclusivamente a beneficio di chi ha materialmente versato la quota di partecipazione.

Nel mese di maggio, quando il quadro della situazione dovrebbe essere più chiaro, i singoli consigli di classe comunicheranno ai rappresentanti dei genitori gli aggiornamenti sulla situazione.